"blog in allestimento"

Amo la peonia che in sardo viene chiamata: arrosa'e monti.
Ho scelto di dare al blog questo nome perchè
"arrosa'e monti" è il fiore che simboleggia la mia adorata Sardegna.


sabato 21 novembre 2015

Sapone al latte di avena


Dopo la mia prima esperienza, il coraggio è salito e l'azzardo pure. Avevo voglia di fare altro sapone ma ancora sprovvista di alcuni ingredienti (colori e olio essenziale per esempio) ho voluto provare questo all'avena: naturale e semplice.
Mi sono autoprodotta il latte con l'avena in fiocchi che si trova in tutti i super mercati.
Ingredienti per il latte di avena
50 gr di fiocchi d'avena
300 ml di acqua
Mettere i fiocchi d'avena nell'acqua e far cuocere per alcuni minuti. Con il minipimer frullare il composto e lasciarlo riposare. Filtrare e versarlo, ormai freddo, in un contenitore per il ghiaccio da riporre in freezer perchè si congeli.
Ingredienti per il sapone
500 gr. di olio d'oliva 
(pesarlo con bilancia di precisione perchè ne occorre mezzo kilo e non mezzo litro)
65 gr di soda caustica
150 gr di latte d'avena
  in questo caso è il latte d'avena congelato (il congelamento evita che gli zuccheri contenuti nel latte si cristallizzino a contatto con la soda che li surriscalda). 
Per realizzare questo sapone ho utilizzato il procedimento tutto a freddo che ritengo più facile e pratico, mi ha già dato soddisfazione con il primo e per ora continuo così. Oltretutto è un metodo che permette di conservare le proprietà dell'olio d'oliva e dell'avena. Ho usato contenitori di plastica tipo le vaschette del gelato e cucchiai di legno o di acciaio. Per saperne di più su come fare il sapone vi consiglio di seguire  un gruppo che ha una pagina su facebook e nella sua zona file si trova proprio tutto, è "il mio sapone".  
Dopo essermi infilata gli occhiali protettivi, i guanti e la mascherina (dispositivi di protezione personale per l'uso della soda caustica indispensabili e non superflui!) ho versato lentamente e a piccole dosi la soda sui ghiaccioli di latte e mescolato. Piano piano questi si sciolgono con il calore della soda. Quando si son sciolti tutti i ghiaccioli, ho versato il composto sull'olio e ho delicatamente  mescolato fino a quando ha iniziato a cambiare colore, a sbiancarsi leggermente. Ora  con il mio "nuovo minipimer" ho lavorato fino al nastro con grande facilità. L'ho fatto stagionare 8 settimane e voilà. 


Non ho usato alcuna profumazione e nessun colore per mantenere intatte le delicate e benefiche proprietà dell'avena .
 Si ottiene un sapone delicato: l'avena ha proprietà lenitive, calmanti, emollienti,  è di grande beneficio per le pelli secche e arrossate ed è adatto a tutti i tipi di pelle, anche a quelle più delicate. Io l'ho usato dopo le ferie passate al mare, quando la pelle è abbronzata e tendenzialmente secca. Offre una sensazione piacevolissima sulla pelle perchè la idrata e la rende elastica, morbida e nutrita. Sono soddisfatta del risultato e lo rifarò.